Recensione Xiaomi Mi Drone

Xiaomi Mi Drone è il primo dispositivo di questo tipo della nota azienda cinese. Ci si accorge subito della bontà del prodotto sin dal pack di vendita. Le plastiche utilizzate sono di ottima fattura, il quadricottero è solido, e anche le 4 braccia, che all’apparenza potrebbero sembrare delicate, sono in verità assai solite. Chi scrive è in possesso di un più costoso Phantom tre Advanced, e sin dal livello costruttivo i 2 quadricotteri sono certamente paragonabili.

LEGGI ANCHE: Migliori droni

drone-xiaomi-mi-senza-eliche

Unboxing

All’interno del pacco troviamo:

1 Xiaomi Mi Drone 4K
1 Batteria
1 Gimbal
1 Carica batterie
8 Eliche
1 Radio
1 Manuale di istruzioni

Costruzione

Xiaomi Mi Drone si rifà alla solida base consacrata dai DJI Phantom , e da molti altri. Come già accennato, sia esteticamente, che nella costruzione, il drone nulla ha da temere rispetto ad un Phantom DJI, potendo reggere benissimo il paragone con l’intera serie Phantom 3. Il drone misura 38×45.5×17 centimetri, il che significa che è leggermente più largo di un Phantom. E’ dotato di un carrello reclinabile per l’atterraggio, elemento che può tornare utile per trasportarlo con meno ingombro.

Proprietà tecniche

Anche le proprietà tecniche niente hanno da invidiare a droni di fascia più alta, parecchio che Mi Drone 4K a volte è serenamente equiparato ad un Phantom 3 Advanced oppure, addirittura, Pro. Durante i nostri quiz lo abbiamo messo a confronto proprio con un Ph3 ADV e, nonostante, sotto certuni punti di vista sia inferiore, sotto altri risulta anche superiore. Fra i primi certamente l’applicazione, assai più snella e facile di quella DJI, così come il remote control, che ad esempio non consente di ospitare un tablet, avendo spazio a sufficienza soltanto per lo smartphone.

Xiaomi Mi Quadricottero vola sino a 16 m/s di velocità massima e registra video in 4K@60fps . Il drone arriva successivamente a 500 metri di distanza dall’utilizzatore (che è la distanza massima in Europa).

La videocamera è stabilizzata con gimbal a tre assi , che fa un straordinario impiego. C’è successivamente un’accurata rilevazione delle no-fly aree , nelle quali è impossibile del tutto decollare. Il Mi Drone è però moderatamente soggetto a possibili interferenze elettromagnetiche che ne impediscono il decollo e la bussola andrà ricalibrata di frequente, anche in aree verdi.

RecensioneXiaomiMiDrone4K

Radiocomando

Radiocomando XiaomiMiDrone4KIl radiocomando è fatto assai bene ed anche al tatto dà un senso di grande solidità con dettagli ben rifiniti. Guardandolo sul di fronte notiamo le 2 leve, quella di sinistra serve per l’orientamento e l’altezza nel momento in cui quella di destra serve per gli spostamenti. Il tasto in alto serve piuttosto per la funzione di ritorno a casa (funzione notevolmente utile nel caso perdessimo di vista il drone); i 2 tasti posti in basso piuttosto servono per l’accensione – quello di sinistra – quello di destra piuttosto serve per l’atterraggio automatico.

Nella parte alta piuttosto troviamo 2 rotelle utili per manovrare la ripresa della camera. Fra le 2 levette è presente una chiusura in plastica, una volta aperta sono presenti 2 porte, una micro usb che serve per effettuare la carica del radiocomando stesso ed una porta usb standard che serve per collegare il cavo da agganciare successivamente allo smartphone che utilizzeremo per il collegamento. Sempre nella parte alta è presente uno stand estraibile dove potremmo recarsi ad incastrare il nostro smartphone per averlo in una posizione comoda alla vista e posizionato in maniera stabile.
Il vano può ospitare smartphone di grosse dimensioni (diciamo che siamo attorno ai 6 pollici di dimensioni), sfortunatamente non è possibile poter agganciare tablet, certamente più comodi per la visione della trasmissione video; ad ogni modo ci sono in commercio tanti adattatori per essere in grado di collegare dispositivi più grandi.

App

L’app Mi Drone non è di certo sviluppata come quella DJI, più completa e complessa, ma gode tuttavia di tutto il essenziale per un volo godibile. A schermo sono presenti tutte le info sulla telemetria, possibilità di switchare fra visuale camera e mappa, più di una serie di funzioni di volo automatiche, come Orbit Mode (che gira interno ad un punto di interesse), oppure la Dronie, che consente di effettuare un selfie video, con il quadricottero che vola indietro e in alto in metodo del tutto automatico, mantenendo l’occhio della camera puntato ad un determinato soggetto. Manca, ad oggi, la modalità Follow Me, richiesta a gran voce dalla comunità.

Il volo

Xiaomi Mi Drone si guida bene, anche perché si adatta facilmente al grado di esperienza dell’utente. Basta limitare velocità e distanza in base a quanto vi sentite sicuri. Anche a velocità massima comunque, il drone è parecchio reattivo, ed i tempi di arresto non sono elevati. Si lascia insomma guidare in metodo molto preciso e difficilmente, al netto del meteo avverso, avrà dei comportamenti imprevisti. C’è forse giusto un’eccessiva lentezza nel salire e soprattutto nel perdere quota.

L’aggancio del radiocomando al drone è straordinario . Anche a 500 metri di distanza il segnale è strong , ed il Mi Drone è pronto a rispondere ai vostri ordini. Fin qui andrebbe tutto decisamente bene quindi.

Peccato che altrettanto non si possa dire dello streaming video su smartphone . Lo streaming, già a 30 metri di distanza, comincia ad recarsi a scatti e dopo poco scompare del tutto. Questo vi costringe a pilotare il drone a vista , e non è certo un’esperienza ottimale.

È un vero peccato, perché se non fosse stato per questa pecca l’esperienza di guida sarebbe stata senz’altro migliore. Ci sono tra l’altro anche determinate modalità di guida intelligente . Parliamo del dronie , che prende come riferimento un punto prefissato e dopo si alza in quota mantenendolo al centro dell’inquadratura, Orbit , che ruota in cerchio attorno ad un punto fisso, e waypoint tramite il quale potete impostare voi il percorso che il drone andrà a fare. Niente di in nessun caso visto, però ci fa piacere che anche Xiaomi li abbia inseriti.

Foto e Video

I filmati: fantastici, qualità paragonabile a quella del “DJI Phantom tre Advanced”, oserei azzardare un “forse un qualcosa in più”.
La stabilizzazione meccanica/digitale è pressoché perfetta, anche se noto il famoso “effetto fisheye”, molto fastidioso considerando che “la concorrenza lo rimuove digitalmente”.
Le tonalità dei colori variano sfortunatamente a seconda del soggetto inquadrato se si opera in “automatico”, ma in manuale la resa è più che accettabile.

La camera rimovibile monta una lente FOV 94, f / 2. 8 con lunghezza focale di 3. 7mm, sensore: 1 / 2. 3inch CMOS con 12. 40MP pixel effettivi. Ha un range ISO di 100-3200 per i filmati, e 100-1600 per le foto, con una velocità dell’otturatore di 8-1 / 8000s. È in grado di scattare foto con risoluzione massima di 4000×3000, e registrare filmato 3840x2160p 30fps, 2560x1440p a 60fps, oppure 1080 pixel a 60 FPS.

Batteria

Lo Xiaomi Mi Drone 4K monta una batteria da 5100mAh: questa batteria gli garantisce un’autonomia di volo uguale a 27 minuti. Ha una velocità massima di 18 m/s. Il vento massimo supportato non è dichiarato sul sito ufficiale di Xiaomi.

Prezzo

Come già accennato, il prezzo di Xiaomi Mi Quadricottero è vincente . Se non fosse per il problema riscontrato nello streaming, sarebbe strabiliante. Peccato che i difetti però non manchino in generale.

Conclusioni

Per poco più di 300 euro non è possibile trovare un quadricottero che sia anche soltanto lontanamente paragonabile al Mi Drone 4K. Esteticamente valido, in volo stabile e semplice da manovrare, con una qualità filmato paragonabile certamente a droni di fascia più alta. Non mancano i limiti, come ad esempio qualche lag di troppo nel live feed, non certamente paragonabile a quello DJI, che grazie al lightbridge fornisce risultati migliori. In ogni caso, è davvero il quadricottero definitivo, non solamente per cominciare a volare, ma anche per chi ricerca qualità, spendendo cifre davvero contenute.

(Visited 14 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *